Piano regionale per la sicurezza sul lavoro

Mag - 31
2018

Piano regionale per la sicurezza sul lavoro

La regione risponde all’allerta infortuni sul lavoro

Il piano strategico regionale per la sicurezza sul lavoro sta finalmente prendendo forma e fa sintesi delle prime proposte avanzate nel corso del tavolo istituzionale convocato dal presidente della Regione Veneto lo scorso 22 maggio e incentrato su prevenzione e contrasto agli incidenti nei luoghi di lavoro ha portato alla luce alcuni aspetti importanti. . Il coordinamento degli enti preposti, di cui fanno parte Regione, Spisal, Arpav, Inail, Ispettorato Interregionale del lavoro, Vigili del Fuoco e parti sociali, ha esaminato a palazzo Balbi una prima bozza di obiettivi e azioni specifiche.

Il Veneto non è all’anno zero in tema di salute e sicurezza sul lavoro, gli infortuni sul lavoro sono scesi dai 70.961 dei primi anni Duemila ai 34.674 del 2016 – ha ricordato il presidente Luca Zaiama gli ultimi gravi casi di cronaca ci impongono di non abbassare la guardia. Siamo di fronte ad un vero e proprio ‘bollettino di guerra’: 170 morti sul lavoro dal 2015 ad oggi, già 24 dall’inizio dell’anno sino a metà maggio, di cui quasi metà tra agricoltura ed edilizia. ”

Con un tasso di 18,87 incidenti per mille lavoratori nell’ultimo triennio il Veneto è alle spalle di altre regioni ad alta densità aziendale come l’Emilia Romagna, l’Umbria e la Toscana; ma supera di due punti la media nazionale. A stendere un primo ‘canovaccio’ su cosa sia possibile fare concretamente sono state le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil, presentando un documento congiunto al tavolo regionale: oltre al rafforzamento degli Spisal con “un piano straordinario di assunzioni” i sindacati hanno messo sotto la lente il meccanismo degli appalti e la frammentazione dei contratti di lavoro, nonchè la necessità di rilanciare gli investimenti delle imprese nelle nuove tecnologie e nella formazione dei lavoratori.

Il piano strategico, che la Giunta regionale intende adottare entro giugno, deve mirare prima di tutto alla prevenzione e alla riduzione del rischio sui luoghi di lavoro”, ha premesso l’assessore alla Sanità, Luca Coletto, che ha coordinato il tavolo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi